Pronuncia sulle spese di lite: legittima la compensazione in assenza di specifica richiesta della parte?

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

La Corte di Cassazione con l’ordinanza del 24 aprile 2015, n. 8377 ha chiarito se si sia in presenza di un vizio di ultra o extra petizione, ove il Giudice di merito disponga la compensazione delle spese di lite, anche in assenza di specifica richiesta della parte.

Secondo la Suprema Corte, in tal ipotesi, non si ha violazione del principio dispositivo delle parti rimanendo nei confini delle eccezioni prospettate la decisione relativa alle spese di lite.

Nella medesima sentenza, inoltre, è stato precisato quando può ritenersi assolto l’obbligo del giudice di motivare la statuizione relativa alle spese di lite.

La Suprema Corte per rispondere a tale quesito ha fatto riferimento all’insegnamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione – sent. 20598/2008 – secondo cui il provvedimento di compensazione delle spese deve essere supportato da adeguate ragioni giustificatrici, eventualmente ricavabili e desumibili anche dal complesso dell’intera motivazione adottata a sostegno della statuizione di merito o di rito.

Conseguentemente, risulta adeguatamente motivata la decisione sulle spese di lite anche allorché le argomentazioni svolte per la statuizione di merito o di rito contengano considerazioni giuridiche o di fatto idonee a giustificare la regolazione delle spese adottata, come ad esempio quando il Giudice dà atto di oscillazioni giurisprudenziali sulla questione decisiva, ovvero di oggettive difficoltà di accertamenti in fatto, o anche di una palese sproporzione tra l’interesse concreto realizzato dalla parte vittoriosa e il costo delle attività processuali richieste, ovvero, ancora, di un comportamento processuale ingiustificatamente restio a proposte conciliative plausibili in relazione alle concrete risultanze processuali.

(Corte di Cassazione, Sesta Sezione civile, Ordinanza n. 8377 del 24 aprile 2015)

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
CONDIVIDI
Nata nel 1988. Avvocato presso lo Studio Salvini Escalar. Iscritta all'albo del foro di Roma dal 2015. Laureata con il massimo dei voti in Diritto Civile con una tesi sulla c.d. nullità virtuale con il prof. Cesare Massimo Bianca. Specializzata in Diritto Tributario e Amministrativo. Autrice e Cofondatrice di GiuriCivile.it. Nel tempo libero violinista.

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Per favore, inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.