Bancomat smarrito e prelievi sospetti: sussiste la responsabilità della Banca

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Con la sentenza n. 16333 del 4 agosto 2016, la prima sezione civile della Corte di Cassazione ha chiarito se sussista la responsabilità della banca nel caso in cui, a seguito dello smarrimento di carta Bancomat, siano stati operati prelievi abusivi.

Il caso in esame: smarrimento del Bancomat e prelievi sospetti

Nel caso di specie, due correntiste proponevano domanda di risarcimento del danno contro la banca di Poste italiane per abusivi prelevamenti con carta Bancomat, il cui smarrimento era stato da esse tardivamente segnalato. Il Tribunale, in parziale accoglimento, condannava il gestore della carta a pagare una somma inferiore a quella richiesta.

La corte di appello, in riforma della sentenza di primo grado, rigettava invece la domanda originariamente proposta: secondo la corte territoriale, essendo indiscussa la responsabilità delle titolari della carta nell’aver smarrito la tessera e nell’avere tardivamente denunciato la circostanza, non poteva ritenersi sussistente alcun titolo di corresponsabilità del gestore della carta. Le correntiste ricorrevano dunque in Cassazione.

La decisione della Corte: sussiste la responsabilità della banca

Ai fini della valutazione della responsabilità della banca per il caso di utilizzazione illecita da parte di terzi di carta bancomat, la Suprema Corte ha in primo luogo rilevato che non può essere omessa, a fronte di un’esplicita richiesta della parte, la verifica dell’adozione da parte dell’istituto bancario delle misure idonee a garantire la sicurezza del servizio da eventuali manomissioni, nonostante la denuncia dell’avvenuta sottrazione da parte del cliente non sia stata tempestiva.

La diligenza posta a carico del professionista ha infatti natura tecnica e deve valutarsi, tenendo conto dei rischi tipici della sfera professionale di riferimento, assumendo come parametro la figura dell’accorto banchiere. A parere della Cassazione, è perciò sempre necessario un esame che tenga conto del titolo di corresponsabilità del gestore della carta.

Tornando al caso in esame, in effetti la società convenuta non aveva né controllato l’andamento del conto né tempestivamente attivato le conseguenti opportune cautele idonee ad evitare l’uso indebito della carta da parte di soggetti non abilitati, che appariva palese dall’anomalia delle operazioni effettuate, sia per numero che per importo. Peraltro, a conferma di tale inadempimento, solo successivamente all’episodio per cui è causa l’Istituto convenuto aveva introdotto il limite mensile dei prelievi che avrebbe potuto senza dubbio contenere la perdita subita dalle attrici.

In conclusione, la Corte accoglieva il ricorso e cassava il provvedimento impugnato con rinvio alla Corte di appello, in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità.

Clicca qui per leggere la sentenza integrale

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Per favore, inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.