Responsabilità aggravata: domanda inammissibile nel ricorso per Cassazione

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

È inammissibile, in sede di ricorso per Cassazione, la domanda per responsabilità aggravata con la quale si chieda la condanna dell’amministrazione finanziaria al risarcimento dei danni per la colpa grave nella condotta processuale tenuta relativamente ai pregressi gradi di giudizio.

La responsabilità aggravata ex art. 96 cpc deve infatti essere fatta valere nel giudizio in cui i danni dedotti sono stati causati.

Questo il principio affermato dalla Corte di Cassazione, sez. V, con la sentenza n. 1952 del 4 febbraio 2015.

Responsabilità aggravata ex art 96 cpc: la domanda va proposta al giudice di merito

Con la sentenza in commento la Corte di legittimità, adeguandosi a quanto chiarito nelle precedenti pronunce delle Sezioni Unite della Cassazione, ha ribadito che la responsabilità processuale aggravata di cui all’art. 96 c.p.c., applicabile al processo tributario in virtù del generale rinvio di cui al d.Lgs. n. 546 del 1992, art. 1, disciplina un fenomeno endoprocessuale.

È proprio dal tenore letterale della norma che si evince che la domanda di condanna è proponibile dalla parte solo nello stesso giudizio dal cui esito si deduce l’insorgenza della detta responsabilità.

La scelta del legislatore di sottoporre l’esame di siffatta domanda al giudice che ha deciso nel merito della controversia dal quale traggono origine i danni per la parte, è stata ritenuta del tutto condivisibile in quanto:

  • nessun giudice può giudicare la temerarietà processuale meglio di quello che decide sulla domanda medesima,
  • la valutazione del presupposto della responsabilità aggravata è strettamente collegata con la decisione di merito.

Ove la domanda di condanna fosse proposta separatamente, potrebbe infatti facilitarsi l’insorgere di un contrasto di giudicati.

(Cass. Civ. sez. V, sentenza n. 1952 del 4 febbraio 2015)

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
CONDIVIDI
Nata nel 1988. Avvocato presso lo Studio Salvini Escalar. Iscritta all'albo del foro di Roma dal 2015. Laureata con il massimo dei voti in Diritto Civile con una tesi sulla c.d. nullità virtuale con il prof. Cesare Massimo Bianca. Specializzata in Diritto Tributario e Amministrativo. Autrice e Cofondatrice di GiuriCivile.it. Nel tempo libero violinista.

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Per favore, inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.