Responsabilità medica: qual è il foro competente alla luce della Legge Gelli Bianco

in Giuricivile, 2018, 5 (ISSN 2532-201X)

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

L’art. 7 della L. 24/17 opera una distinzione tra la responsabilità della struttura sanitaria o sociosanitaria, pubblica o privata, e quella del personale medico o paramedico, operante all’intero nella stessa; attrae nell’alveo della responsabilità contrattuale la struttura
sanitaria, con conseguente applicazione delle norme di cui agli artt. 1218 e ss. c.c., mentre il personale risponde ex art. 2043 c.c., salvo che abbia agito in esecuzione di atto negoziale posto in essere con il paziente.

Il quadro delineato determina ripercussioni, sotto il profilo processual-civilistico, circa la individuazione del giudice territorialmente competente a decidere in ordine all’azione a tutela dei diritti del paziente, specie in ipotesi di responsabilità concorrente.

Leggi anche: Risarcimento per responsabilità medica: determinazione del quantum alla luce della Legge Gelli Bianco

La competenza in caso di struttura sanitaria pubblica o convenzionata

Al soggetto, che si sia rivolto ad una struttura sanitaria pubblica o convenzionata con il servizio sanitario nazionale, nel caso di fruizione di una prestazione sanitaria, in esenzione o anche previo pagamento del c.d. ticket, si attaglia certamente la qualifica di utente, equiparabile a quella di consumatore, di cui all’art. 3/a d.lgs 206/05; sarebbe, pertanto, consentito ritenere che, in ipotesi di pregiudizio subito, il danneggiato possa proporre la domanda giudiziaria dinanzi al foro della propria residenza, giusto il tenore dell’art. 33/2 lett. u del menzionato d.lgs 206/05 (Codice del Consumo), senza la necessaria osservanza dei criteri di cui agli artt. 18, 19, 20 c.p.c.

Tuttavia, detta equiparazione non è sufficiente ai fini de quo: la Giurisprudenza (Cass. Civ. Sez. VI, 18536/16) ritiene che la disciplina di cui all’art. 33 d.lgs. 206/05, concernente il foro del luogo di residenza del consumatore, non possa trovare accoglimento nei rapporti tra pazienti e strutture sanitarie pubbliche o private operanti in regime di convenzione con il servizio sanitario nazionale.

Ciò sia perché, pur essendo l’organizzazione sanitaria imperniata sul principio di territorialità, l’assistito può rivolgersi a qualsiasi azienda sanitaria presente sul territorio nazionale, sicché se il rapporto si è svolto al di fuori del luogo di residenza del paziente, tale circostanza è frutto di una sua libera scelta, che fa venir meno la “ratio” dell’art. 33 cit., e sia in quanto la struttura sanitaria non opera per fini di profitto, e non può, quindi, essere qualificata come “imprenditore” o “professionista”.

La competenza in caso di struttura sanitaria privata non convenzionata

Lo scenario, tuttavia, muta nell’ipotesi di prestazione erogata da parte di una struttura sanitaria privata, non in regime di convenzione, ponendosi, quest’ultima, come ” professionista” e trovando, pertanto, applicazione l’ art. 33 cit. (Cass. Civ. Sez. VI 22133/16 ).

De iure condendo è auspicabile che possa giungersi a ritenere, in un’ottica protezionistica del paziente, quale soggetto debole, come del resto accade anche in altri settori, che il suo ingresso in una struttura sanitaria, a fine di ricovero ovvero di visita medica, integri, comunque, ex art. 1374 c.c., un atto contrattuale, ovvero una relazione fattuale equiparabile ad atto negoziale, con conseguente applicazione, per il tema in esame, della individuazione del foro competente in quello del c.d. consumatore.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
CONDIVIDI
Avvocato iscritto all'Albo degli Avvocati ammessi al Patrocinio davanti alle Magistrature Superiori. È stato Cultore della Materia nella Cattedra di Diritto Amministrativo della Facoltà di Giurisprudenza di Teramo. Ha svolto le funzioni di Vice Procuratore Onorario presso la Procura della Repubblica di Chieti giusta nomina del Consiglio Superiore della Magistratura. Ha svolto funzioni di arbitro unico ed in funzione collegiale, nonché di patrocinatore legale in procedure arbitrali. Svolge funzioni di delegato del G.E. del Tribunale di Chieti alle vendite immobiliari e possiede qualifica di Gestore della Crisi da Sovraindebitamento presso la CCIAA di Chieti – Pescara.

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Per favore, inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.