Esecuzione forzata tributaria: Sezioni Unite sull’opposizione agli atti esecutivi

nota a Cass., SS. UU. civ., ord. n. 30756 del 28/11/2018

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

In materia di esecuzione forzata tributaria, l’opposizione agli atti esecutivi avverso l’atto di pignoramento asseritamente viziato per omessa o invalida notificazione della cartella di pagamento (o di altro atto prodromico al pignoramento), è ammissibile e va proposta (ai sensi degli articoli 2 comma 1 e 9 e 19 DLGS 546/1992 , dell’articolo 57 DPR 602/1973 e dell’art. 617 c.p.c.) davanti al giudice tributario, risolvendosi nell’impugnazione del primo atto in cui si manifesta al contribuente la volontà di procedere alla riscossione di un ben individuato credito tributario.

Questo è il principio di diritto affermato dalle Sezioni Unite con ordinanza n. 30756 del 28-11-2018.

Dirimente per la individuazione della giurisdizione del Giudice tributario è il vizio, eccepito dal contribuente, relativo alla decadenza della prodromica cartella esattoriale incorporante una pretesa di natura tributaria.

L’arresto della Cassazione si pone in coerenza col diritto di difesa, costituzionalmente garantito e  concretizzantesi nel disposto dell’art. 19, comma 3, d.lgs. 546/1992, che fa salva la facoltà per il contribuente di impugnare l’atto prodromico non conosciuto (cartella esattoriale), congiuntamente all’atto di precetto successivo.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
CONDIVIDI
Avvocato iscritto all’Albo dell’Ordine di Lagonegro (PZ). Specialista in controversie di diritto amministrativo, diritto civile e diritto tributario.

SCRIVI IL TUO COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Per favore, inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.